Recensione Abarth 695 70° anniversario, podcast

ABARTH 695 70° ANNIVERSARIO | Recensione ABARTH 695 Podcast

 

“Ne vale la pena?
LA SUA FORZA E’ NEL MIX QUILIBRATO CHE NASCE DAI SUOI CONTRASTI”
( lo so…sembra una supercazzola, ma se ascolti il podcast capirai 😉 )

HATER COME SE PIOVESSE, MA POI…

Come ho già raccontato nella prova della Abarth 595, esistono fazioni contrapposte che discutono all’inifinito in rete sulle 500 Abarth in generale. C’è chi la ama, a prescindere dai suoi “difetti”, e chi la detesta senza mai averla provata.
Poi però alcuni hater, una volta alla guida, si sono convertiti e l’hanno comprata.

LA SUA FORZA STA NEL MIX UNICO DEI CONTRASTI

I suoi punti di debolezza da utilitaria (baricentro alto, base della Panda 2003, seduta alta, etc) fanno a pugni con alcune caratteristiche da sportiva (sedili Sabelt, freni Brembo, 180Cv, assetto rigido, etc). Ma è proprio nel mix di questi contrasti che nasce una hot hatch unica sul mercato per esperienza di guida.
Questo fa sì che sulla carta possa sembrare una vettura nata sbagliata, ma poi in strada, se non si va oltre il suo limite, si rivela super divertente e anche un po’ impegnativa da gestire. Insomma: sorprende e va un po’ “domata”.

1949 in tutto
34.000 euro di listino

E’ prodotta in 1949 pezzi, per festeggiare il 70° anniversario di Abarth, e ha un prezzo importante. Prezzo forse alto se pensi che non ha di serie il differenziale meccanico ma solo il TTC (che simula il differenziale ricorrendo alle pinze dei freni). Però in AutoScout24 la inizi a trovare anche a meno di 30.000 euro.

ESTERNO

Il colore, che pesca nel passato glorioso di Abarth, è il verde Monza. E’ disponibile anche in altri colori, ma questo è, parere personale, il più adatto.
Può sembrare una “tamarrata galattica”, così credevo anch’io, se vista solo in rete o in foto sulle riviste. Ma dal vivo quella che ho provato ha un buon equilibrio cromatico, grazie anche all’accostamento tra il verde e i particolari in grigio campovolo.

L’alettone è ciò che caratterizza la 70° e le dona un’estetica unica, oltre che una migliore guidabilità a velocità medio-alte (aumenta il peso sul posteriore di circa 40 kg a 200 km/h) e una stabilità maggiore del posteriore, che notoriamente è un po’ ballerino.

INTERNI

Tutti, pure gli hater, osannano i sedili Sabelt. Belissimissimi, vero, ma duri e scomodi come se non ci fosse un domani. Quelli della 70° anniversario hanno delle tonalità di colore che si amalgamano perfettamente con la carrozzeria, se verde, e hanno un piccolo richiamo alla bandiera italiana.
Ma dopo 30-40km a me è venuto un gran maldischiena.
Per il resto è un mix di particolari stilosi, come la calottina degli strumenti in alacantara, il volante super curato e l’infoteinment semplice ma completo. e parti super cheap, come la copertura del freno a mano in gommaccia spessa, le portiere da Panda e le levette da automobilina dei bimbi.
Ma il colpo d’occhio, nell’insieme, all’interno non è male e si differezia dalle concorrenti. Insomma, è unica anche dentro.

LIBIDINE DI GUIDA

Nel podcast, come sentirai, ho raccontato tutte le contraddizioni di questa Abarth 695 70° anniversario. Ma mentre parlavo nel microfono a clip, mi godevo la guida. Il primo giorno ne ho notato quasi solo i difetti, anche se appena me l’hanno consegnato ho pensato: “Che bella!”.
Poi guidandola ho incominciato a divertirmi sempre di più ,e per 15 giorni non ho smesso di cercare scuse per farci un giro.
La libidine inizia quando l’accendi a freddo, schiacchi il pulsante “Sport” e lei incomincia a cantare forte svegliando il vicino sopra al box.
Poi la lanci e la tieni sopra i 2.500 giri, avventurandoti tra accellerate sul dritto e curve strette. E lei nervosa non ti lascia mai certissimo di come andrà la tua uscita, perchè qualche sorpresa da gestire c’è sempre.
Io sono ben lontano dall’essere un pilota, o un super esperto, e quindi guidandola non ho mai avuto la sensazione, soprattutto ad alte velocità, di essere sempre confidente nell’osare più del dovuto. Però, forse anche per questo, mi sono divertito tanto. Tranne la mia schiena sui Sabelt, quella è ancora incazzata 😉

CONSUMI

Con 180cv, se lasci lo SPORT inserito e schiacci, beve parecchio. La mia prova è durata circa 400km, e ho consumato mediamente 11.7km/litro nel misto dandoci dentro un po’. Ma senza lo SPORT, a 80-90km/h in tangenziale ho rilevato circa 20km/litro.

PREZZO

34.000 euro.

LA COMPREREI?

Sì, ma senza i Sabelt: quindi dovrei optare per una Competizione nuova, o per una Rivale usata.
Però, per chi ha la schiena sana, un’età meno avanzata della mia e pochi limiti di budget, la 70° è una scelta da non scartare.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUI I CANALI PODCAST 

ANDAR PER AUTO TRASMETTE IN QUESTI CANALI PODCAST